#meritocracyforbeauty e cosa ne penso

Argomento molto discusso da qualche mese a questa parte è la meritocrazia nell’ambito beauty e make-up.
L’hashtag che ha spopolato nelle stories, nei video e nelle foto su Instagram è #meritocracyforbeauty
Tantissimi i post di chi ritiene che i profili social taggati siano meritevoli e abbiano bisogno di più pubblicità e visibilità.
La Cindina ha riaperto una discussione sul tema, invitandoci a non “abbandonare” l’hashtag e parlando del fatto che molte beauty blogger comprino followers e abbiano, in fin dei conti, poche vere interazioni da parte dei loro seguaci. E mi sento di aggiungere che spesso, le interazioni sono poco coerenti con ciò che si è pubblicato.
Non mi resta che essere d’accordo con lei. I motivi sono diversi ma principalmente posso dire che spesso ho trovato profili davvero interessanti, di persone qualificate ed appassionate al make-up, alla skincare e al beauty in generale, ma poco popolari. Mentre altre pseudo beauty blogger, senza nessun merito hanno followers a non finire.
Si parla di beauty guru che pur di provare qualsiasi prodotto sono capaci di vendersi o cambiare le proprie abitudini.
Purtroppo bisogna riuscire a capire la differenza tra chi davvero ha le capacità di parlare in modo chiaro e limpido di ciò che si ha davanti, e chi non sa nemmeno di cosa si tratta. Se si crea un post parlando di un prodotto senza sapere come bisogna sfruttarlo, si ha il rischio di poter influenzare negativamente chi lo andrà ad utilizzare, se non creare addirittura dei rischi.
Ed esempio c’è chi va in giro dicendo “questa marca mi ha creato un forte sfogo”, senza mettere in conto che quest’ultimo è stato dato da un’allergia ad uno degli ingredienti presenti nella formulazione, e ovviamente le allergie sono soggettive e variano da persona a persona.
Ho visto ragazze con problemi SERI da trattare dopo aver consultato un medico, utilizzare prodotti solo perché “ho visto una buona recensione” o magari si sono fatte convincere in base a diversi pareri. Un piccolo esempio banale: NON POTETE FARVI UNA MASCHERA VISO PEEL OFF O COMUNQUE MOLTO AGGRESSIVA, SE AVETE IL VISO MOLTO SCREPOLATO O SECCO, VI IRRITA ANCORA DI PIÙ!
Per quanto riguarda il make-up non mi soffermo molto sugli sbagli e ciò che ho sentito/visto in giro da parte di persone poco qualificate, perché scriverò altro a breve. Voglio comunque dirvi che, tra i molti consigli, quello sullo smokey eyes nero che molti ci spingono ad eseguire, con la scusa del “è un classico intramontabile che sta bene a tutte”, è enormemente sbagliato: chi ha gli occhi infossati rischierebbe di andare in giro sembrando uno scheletro con gli occhi invisibili!
L’argomento non è semplice da trattare e non bastano certo due parole per considerare chiuso il discorso, se vi interessa sapere come la penso vi scriverò un altro articolo.
Vi lascio dicendo che tutto ciò andrebbe combattuto semplicemente con un po’ di buon senso da parte di chi condivide su dei social, e cercando di capire che non è tutto oro ciò che luccica.

2 pensieri riguardo “#meritocracyforbeauty e cosa ne penso

  1. Pienamente d’accordo Con te . A mio avviso , la ragazza che ha emanato questo hashtag l’ha fatto per pubblicità . Ognuno di noi quando riconosce una persona con talento dietro un piccolo schermo non possiamo fare altro che seguirla e prendere ispirazione 😍 le pubblicità non riempiono le tasche , la vere essenza di questo social network dovrebbe essere arricchirsi di consigli altrui e migliorare noi stessi!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...