Come funzionano le collaborazioni su Instagram e chi ci guadagna

Ciao ragazzi! Oggi un articolo un po’ diverso dal solito: voglio parlarvi delle collaborazioni tramite Instagram. Si tratta di una guida di 10 punti su come iniziare, delle dritte da seguire o semplicemente osservare per poter intraprendere questo “cammino” e anche alcune esperienze. Inserirò anche dei piccoli consigli su come migliorare il vostro profilo, almeno secondo me!

Inizio col dirvi che questi diversi esempi possono avere anche delle eccezioni, ma i casi sono rari, aggiungo che queste sono esperienze personali, ma posso riportarvi anche alcune cose che ho notato da altri account.

1) Il punto più importante da sottolineare è questo: le aziende non vi contattano.

Se pensate che per iniziare a collaborare con le aziende, sia necessario che queste ultime vi scrivano per poter ricevere sponsorizzazione, non è così. Dovrete essere voi a proporvi, ed essere pronti ad un’eventuale rifiuto. Sì, perché non tutte le aziende rispondono in modo positivo, a volte nemmeno lo fanno.

2) Iniziate dal profilo.

Ci sono aziende che collaborano con chiunque (scelta abbastanza discutibile), ma il consiglio è quello di avere un tema nel profilo, di seguire una logica o di dedicarsi a uno -massimo due- diversi settori. Quindi, se avete già esperienza nel campo, se già avete recensito/pubblicato (e pubblicizzato, quindi) un post con una tipologia di prodotto/servizio, sarete avvantaggiati.

Questo vi farà anche apparire competenti e i vostri post saranno più apprezzati.

Chiaramente cercate di avere foto curate, non sfocate, e cercate di emergere creando contenuti innovativi.

3) Cosa intendo per diversi “settori”?

Ogni profilo dovrebbe avere un tema da rispettare, parlare e raccontare attraverso le immagini ad una determinata fetta di pubblico, quindi: scegliete il vostro target in modo da potervi collocare in un settore specifico, studiate cosa piace e pubblicate contenuti inerenti a quel target.

Vi piace viaggiare? Fotografate i luoghi visitati, magari in un angolino particolare.

Siete appassionati di moda? Immortalate un abito o un accessorio che ritenete “must”.

Ci tenete al vostro make-up o alla cura della pelle? Mostrate i vostri prodotti preferiti.

Non pensate di attirare più persone parlando di diversi temi, creerete solo confusione perché spesso gli altri si aspettano contenuti legati tra di loro. Non potete parlare di cibo un giorno, il giorno successivo di moda e quello dopo ancora di casa vostra.

4) I numeri contano?

Beh, sì. Arrendiamoci, purtroppo le aziende guardano i numeri. Ossia: i tuoi followers, quante interazioni hai sotto ai post ma a volte, sorprendentemente, anche questi valgono poco, se il tuo profilo è poco curato o magari non fa parte dello stesso settore dell’azienda a cui hai richiesto collaborazione.

Se sei attivo su più piattaforme e hai un seguito anche lì, avrai ancora più visibilità e quindi più possibilità di un’approvazione.

Questo è il principale scopo delle collaborazioni: se tu riceverai un prodotto o un servizio, all’azienda deve pur sempre tornare indietro qualcosa, non si chiamerebbero collaborazioni, ma regali.

5) Le aziende pagano? Come lo fanno?

Non pensate che con un profilo Instagram con 10mila followers si possa guadagnare denaro, poiché non è così. C’è chi dice il contrario, ma spesso, tutto ciò che guadagna sono i prodotti che verranno poi recensiti/sponsorizzati.

Una delle eccezioni verrà illustrata nel prossimo punto.

6) A cosa servono i codici sconto degli influencer?

quando leggete “utilizzate il mio codice per uno sconto” e se si tratta di codici sconto personalizzati (magari col nome o il nick di Instagram), vuol dire che vengono registrate le vendite effettuate con quel codice, dal quale una percentuale verrà guadagnata ed utilizzata o sul sito stesso (in modo da ottenere altri prodotti) o accreditata tramite paypal o carta di credito.

Più vendite fai, più guadagni. Non credete di guadagnare milioni, di solito è una percentuale del 10% e i costi del prodotto non superano MAI i 100€.

Stesso discorso è quello dei link: se vi viene consigliato un link personalizzato, spesso, anche quello registra le vendite quando viene cliccato.

7) I prodotti ricevuti sono di qualità?

In linea generale, se avete un profilo piccolo, le collaborazioni che verranno accettate saranno quelle di aziende con prodotti non di altissima qualità, o magari, se siete fortunati, di aziende appena nate che necessitano di pubblicità per avviare la loro attività anche sui social!

Alcune aziende hanno prodotti standard da inviare, magari in pacchi dedicati proprio alle blogger, mentre altre vi danno la possibilità di poter scegliere i prodotti in base ai vostri guasti.

È un po’ tutto da valutare. Se vedete aziende che spediscono prodotti a destra e manca, vuol dire che non hanno costi abbastanza notevoli come vogliono far credere. Come ad esempio aziende di orologi: un orologio che sul sito costa 100€ ed è stato inviato a 3000 blogger, è molto spesso un prodotto di bassa qualità, infatti con un solo acquirente, magari, ricaveranno sia il costo di un prodotto inviato gratis, che un guadagno. Per questo, le collaborazioni che vi vengono offerte con una percentuale di risparmio o solo spese di spedizione da pagare (e non gratis), sono collaborazioni con truffatori.

8) Come cercare e contattare aziende che collaborano.

Andate un po’ in giro tra i profili, aguzzate la vista e vedete cosa vi salta all’occhio. Se il profilo tratta argomenti della vostra stessa nicchia e se ha un numero di seguaci simile al vostro, siete a metà strada!

Molto spesso non c’è scritto esplicitamente che si tratta di una collaborazione, ma ci farete l’occhio e noterete che sono prodotti inviati dalle aziende.

Contattatele tramite email (è più professionale!), se non lo trovate su Instagram, provate nella sezione contatti del loro sito web, tra le ultime spiagge, c’è quella di scrivergli tramite direct direttamente su Instagram.

Scrivete una mail dove spiegate chi siete, perché siete interessati ai loro prodotti e aggiungete i link ai vostri social.

Se l’azienda non è italiana, scrivetegli in inglese, ma se il vostro inglese non è dei migliori, preferite comunque l’italiano!

9) Le aziende richiedono necessariamente recensioni positive?

No. Le aziende non richiedono recensioni positive. A volte nemmeno chiedono recensioni, ma semplicemente visibilità. Mi è capitata una/due volte di ricevere come richiesta una recensione su Amazon a 5*. Perché ho accettato? Perché, semplicemente, ho potuto constatare di ricevere un prodotto di qualità, prima che questo mi sia arrivato. In caso contrario ho rifiutato la proposta.

Altre aziende, invece, vi scriveranno le loro condizioni in modo che voi possiate valutare. Uno o più post su Instagram, nelle storie o anche su un canale diverso.

Se alcuni instagrammer scrivono bene di un prodotto è perché aspettano di poter iniziare una nuova collaborazione e ricevere altri prodotti successivamente.

10) Conviene fare collaborazioni?

Beh, questo è molto soggettivo.

Il mio consiglio è sempre quello di non esagerare richiedendo collaborazioni a tutti, specialmente se si tratta di cose che con il vostro profilo non c’entrano niente.

Se avete tempo, se vi piace fare foto e il mondo social, buon divertimento!

Punto bonus. Cose strane che mi sono successe con delle collaborazioni.

Il mio profilo tratta di beauty e makeup, mi è stato detto “mi dispiace ma il profilo tratta argomenti differenti dai nostri”.

Appena mi è arrivato il prodotto (o il giorno dopo) mi è stata richiesta una recensione. Aziende poco serie come queste, sono da evitare: se devo recensire un prodotto, specialmente in questo campo, ho bisogno di tempo per poterlo testare.

Mi sono state accettate diverse collaborazioni di cui mai più ho avuto notizie: i pacchi si sono persi nel nulla… E anche chi se ne occupava, dato che non ho ricevuto risposta quando ho scritto per dei chiarimenti.

Mi è arrivato un pacco vuoto. Anzi, conteneva solamente dei foglietti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...